Indice Dietro Avanti
Denario di M. CIPI M.F
3.10.2018
..da whatsup
18mm
Amagnetico
3,8g
Grazie
fig. 1
Cliccare sulle immagini per ingrandire
Roma, 7.10.2018
Egregio,
il dritto di fig. 1 (testa elmata di Roma a destra, con leggenda M. CIPI M.F) è classificato Cr 289 ma il rovescio, immagine speculare e negativa del dritto,
è diverso dalla descrizione del Crawford. La moneta in esame in effetti è il risultato di un errore di coniazione noto come "broccaggio" (mi sono permesso di italianizzare così la parola dialettale inglese brockage, che vuol dire "rubbish", spazzatura). Di solito si verifica un broccaggio, quando una moneta correttamente battuta e rimasta accidentalmente incastrata nel punzone, faccia da conio di martello per una moneta successiva, avendo il malleador omesso di liberarla dal punzone. Un broccaggio si presenta di solito come un conio stanco nel rovescio. Si vuole che in talune circostanze il broccaggio sia addirittura utilizzato ad arte per sopperire alla carenza di conii del rovescio che, come noto, si usurano più rapidamente di quelli d'incudine. L'argomento del broccaggio è bene sviluppato nella pagina che segue del forum lamoneta.it a cui rimando per eventuali chiarimenti. Come si evince dal numeroso gruppo di esempi sotto riportati, il broccaggio è frequente tra le monete classificate Cr 289.

Quanto sopra premesso, di seguito riporto gli elementi significativi riguardanti la moneta di figura:

Denario1, zecca di Roma, 114-115 a. C., Crawford 289 (pag. 303)2.

Descrizione sommaria:
D. Testa elmata di Roma a destra; dietro X3; dinanzi, MCIPI•M•F4 a salire. Bordo perlinato.
R. Immagine e leggenda speculare e negativa del dritto5.

La ricerca nel web di monete della tipologia di figura ha dato luogo ai seguenti risultati:

  1. https://www.acsearch.info/search.html?id=2379205 Gorny Mosch Giessener Münzhandlung http://www.gmcoinart.de/ Auction 229 1575 10.03.2015 Description: RÖMISCHE REPUBLIK NACH 211 V. CHR. M. Cipius, 115 oder 114 v. Chr. Denar (3,83g). Mzst. Rom. Vs.: M CIPI M F, Kopf der Roma n. r., dahinter X. Rs.: Das­selbe incus. Cr. 289/1; Syd. 546. Fehlprägung! Dunkle Tönung, ss.
  2. https://www.acsearch.info/search.html?id=2277027 Aureo & Calicó S.L. http://www.aureo.com/ Subasta 264 2107 11.12.2014 Description (hacia 115-114 a.C.). Gens Cipia. Denario. (Bab. 1) (Craw. 289/1). Rara. 3,70 g. MBC.
  3. https://www.acsearch.info/search.html?id=2423122 Aureo & Calicó S.L. http://www.aureo.com/ Subasta 267 2017 22.04.2015 Description: (115-114 a.C.). Gens Cipia. Denario. (Bab. 1) (Craw. 289/1). 3,84 grs. MBC+.
  4. https://www.acsearch.info/search.html?id=217963 Auktionshaus H. D. Rauch GmbH http://www.hdrauch.com/ Auction 75 195 06.05.2005 Description: RÖMISCHE REPUBLIK M. Cipius M.f. Denar (3,92 g), Rom 115/4. Av.: Romakopf rechts, links Wertzeichen, rechts M CIPI MF. Rv.: incuser Avers. Craw:289/1, Albert:1063. f.s.sch. Estimate: EUR 30.
  5. https://www.acsearch.info/search.html?id=1211400 Gorny & Mosch Giessener Münzhandlung http://www.gmcoinart.de/ Auction 204 1937 05.03.2012 Description: RÖMISCHE REPUBLIK NACH 211 V. CHR M. Cipius, 115 oder 114 v. Chr. Denar (3,83g). Mzst. Rom. Vs.: M CIPI M F, Kopf der Roma n. r., dahinter X. Rs.: Dasselbe incus. Syd. 546; Cr. 289/1. Fehlprägung! ss.
Veniamo alle conclusioni. Per quanto consentito ad una valutazione a distanza, le caratteristiche fisiche, generali e di stile della moneta in esame appaiono non difformi da quelle delle monete d'epoca di pari tipologia. Nello stato presente il valore venale della moneta in esame non dovrebbe superare i 30,00€ (come la moneta di cui al link).

Un saluto cordiale.
Giulio De Florio

-----------------------------------------

Note:
(1) Denario (argento). Raccolgo in tabella le caratteristiche fisiche delle monete della tipologia di figura tratte dai link di cui sopra:

Riferimenti Peso (g.) Diametro (mm.) Asse di conio (h)
Link1 3,83 - -
Link2 3,70 - -
Link3 3,84 - -
Link4 3,92 - -
Link5 3,83 - -
Si evince dalla tabella che il peso del denario di figura (3,8g) rientra nei margini di variabilità dei coni d'epoca dello stesso tipo.
(2) Il dritto della moneta di figura è regolare mentre il rovescio, secondo il Crawford, dovrebbe presentarsi così: "Vittoria in biga a destra regge le redini con la mano sinistra e un ramo di palma con un fiocco con la mano destra; sotto timone, in esergo Roma, bordo perlinato (v. ad es. il link)".
(3) X è il segno del valore che indica la seguente equivalenza: 1 denario=X (=10) assi.
(4) Marcius (?) CIPIus Marci Filius. Cipio è un oscuro senatore operante come monetiere tra il 114 e il 115 a. C.. Sostiene il Crawford che non ci siano prove per accettare o respingere la tesi che Cipio si possa identificare con il marito compiacente descritto da Cicerone in "Cicero, fam. vii, 24, 1" che si fingeva addormentato quando la moglie stava con l'amante ma ben sveglio quando uno schiavo cercava di rubargli l'argento (Cipius, opinor, "non omnibus dormio").
(5) Come accennato, la moneta è il risultato di un errore di coniazione detto "brockage" in inglese, Fehlprägung in tedesco.
Indice Dietro Avanti