Indice Dietro Avanti
Elagabalo e la Tiche di Antiochia
4.1.2019
..da Monete Imperiali Romane di Michele Monti.
Peso 15,67g.
Diametro 31mm
Potete aiutarmi su identificazione e valore?
Zecca di Antiochia
Grazie
fig. 1
Cliccare sulle immagini per ingrandire
Roma, 4.2.2019
Egregio,
riporto di seguito gli elementi significativi riguardanti la moneta di figura:

AE311, zecca di Antiochia sull'Oronte, 218-222 d. C., BMC XX 461 (pag. 206)

Descrizione sommaria (sono indicate in rosso le parti della leggenda usurate o comunque illeggibili):
D. AVT K M AV ANT
ΩNINOC ϹƐ2. Elagabalo, testa laureata a destra.
R. ANTIOΧ-ƐΩN MKOΛΩN. S C, a sinistra e a destra in alto nel campo3. Più sopra Δ Є a sinistra e a destra4. Al centro Tiche, seduta a sinistra su una roccia, nella mano destra spighe di grano, mano sinistra sulla roccia, ai piedi dio fluviale Oronte che nuota; in alto montone che corre a sinistra5.

La ricerca nel web di monete della tipologia di figura ha dato luogo ai seguenti risultati:

  1. https://www.acsearch.info/search.html?id=1160632 Bertolami Fine Arts http://www.bertolamifinearts.com/ Auction 4 248 05.12.2011 Description: Syria, Seleucis and Pieria - Elagabalus (AD 218-222), Antiochia ad Orontem, AE, 16.65g, 33mm, Laureate and draped bust r., Rv. Tyche seated l. on rocks, holding grain-ears; below, river-god Orontes swimming l.; above, ram leaping l., head r.; - and S-C across field; star in l. field. McAlee 802a. Brown tone. VF.
  2. http://www.forumancientcoins.com/gallery/displayimage.php?pos=-89233 (0218) ELAGABALUS 218-222 AD AE 33mm 21.73g. O: AVT K M AV ··· ANTΩNEI[NOC CE] Laureate bust right, slight drapery on left shoulder. R: ANTIOXEΩN M ΚΟΛ ΔΕ SC Tyche of Antioch seated left on rock outcropping holding grain ears; below, river-god Orontes swimming left, head right; above, ram with head right springing left; D-E above S-C. SYRIA, Seleucis and Pieria, Antiochia ad Orontem. Butcher 474a; SNG Copenhagen 251.
  3. coinarchives Leu Numismatik AG > Web Auction 7 Auction date: 23 February 2019 Lot number: 918 Lot description: SYRIA, Seleucis and Pieria. Antioch. Elagabalus, 218-222. Tetrassarion (Bronze, 32mm, 22.03g, 1h). AY KAI M AYP ANTΩNЄINOC CЄ Laureate head of Elagabalus to right, with slight drapery on his left shoulder. Rev. ANTIOXЄΩN M KOΛΩ / Δ - Є / S - C The Tyche of Antioch, turreted and veiled, seated left on rock, holding grain ears in her right hand; above; ram running left; below, river-god Orontes swimming left. McAlee 803. Light deposits, otherwise, very fine. Starting Price: 25 CHF.
  4. http://www.wildwinds.com/coins/ric/elagabalus/_antioch_BMC_461.jpg Elagabalus, AE33 of Antioch ad Orontem, Syria. 24.38g. AYT K M AY ANTWNINOC CE, laureate head right. ANTIOXEWN M KOL, Tyche seated left on rock, holding corn-ears, river-god Orontes swimming at her feet, ram running left above, delta-epsilon and S-C across fields. BMC 461; Butcher 474. Contributed by Lor Blasi, March 2014.
  5. google Obverse: AvT K M Av ANTVNINOc c¥ (AVT K M AV ANTwNINOC Ce) laureate bust right. Reverse: Antiox¥Vn mht ko s c D ¥(ANTIOXewN MHT KO S C d e) Tyche wearing turreted head-dress, seated left; river god Orontes swimming below. The diameter is 25.3mm and is 12.34g, die axis 0 deg. Reference: BMC Galatia etc. pg. 206, 459; L&K 2008; Weber 7969 ID from aeqvitas.com (Still being researched against Butcher's reference. This coin is fairly far under the weight of the largest denomination of 18.01g, however is fairly far over the weight of the medium denomination of 10.46g. Based on the style of the omega on the reverse as well as the probable style of the bust, it would appear to fit under his first category 'Angular' for the style of the bust. As the Tyche on the reverse is seated left, This would leave us as Butcher 474 for 18.01g large denomination coin or Butcher 476 for a 10.46 g medium denomination coin. The large denomination coin would have a ram jumping left above the Tyche's head.)
  6. https://www.sixbid.com/browse.html?auction=3898&category=92504&lot=3189532 Naville Numismatics Ltd, NN Live Auction 33 16 July 2017 Lot 182 Estimate: 35 GBP Starting price: 35GBP  Syria, Antiochia ad Orontem Elagabalus, 218-222 Bronze circa 218-222, Æ 33mm., 19.46g. Laureate bust r., drapery on l. shoulder. Rev. Tyche seated l. on rocks, holding branch; below, river-god Orontes swimming l.; above, ram leaping l., head r.; in field, Δ-Є and S-C. McAlee 805. Attractive brown tone, Very Fine.
  7. https://www.acsearch.info/search.html?id=3313872 Classical Numismatic Group, Inc. http://www.cngcoins.com/ Electronic Auction 338 189 05.11.2014 Description: SYRIA, Seleucis and Pieria. Antioch. Elagabalus. AD 218-222. Æ 8 Assaria (34mm, 16.70g, 12h). Laureate bust right, slight drapery / Tyche seated left on rocks, holding grain ears; below, river god Orontes swimming left; above, ram leaping left, head right; Δ-Є and S-C across field, two pellets in exergue. McAlee 803d. Near VF, brown surfaces. Rare with two pellets.
  8. https://www.acsearch.info/search.html?id=5160110 Roma Numismatics Limited http://www.romanumismatics.com/ E-LIVE Auction 1 455 25.07.2018 Description: Roman Provincial Elagabalus Ӕ31 of Antioch, Seleucis and Pieria. AD 218-222. AVT K M AV ANTΩNINOC CЄ, laureate head right / ANTIOXE ΩNMKOΛΩ, Tyche seated left on rocks, holding grain ears; river-god Orontes swimming left below, ram running left above, Δ-E and S-C across fields. BMC 462; McAlee 803a. 13.49g, 31mm, 6h. Good Fine.
  9. https://www.acsearch.info/search.html?id=553172 Classical Numismatic Group, Inc. http://www.cngcoins.com/ Electronic Auction 200 279 03.12.2008    Description: SYRIA, Seleucis and Pieria. Antioch . Elagabalus. AD 218-222. Æ 8 Assaria (33mm, 16.28g, 12h). Laureate bust right, slight drapery on far shoulder / Tyche seated left on rocks, holding grain ears; below, river god Orontes swimming left; above, ram leaping left, head right; Δ-Є and S-C across field. McAlee 803(a) (this coin cited). VF, black patina. From the Richard McAlee Collection.
  10. https://www.acsearch.info/search.html?similar=207682 Electronic Auction 237 175 21.07.2010 Description: SYRIA, Seleucis and Pieria. Antioch. Elagabalus. AD 218-222. Æ (33mm, 24.10g, 6h). Laureate bust right, slight drapery on far shoulder / Tyche seated left on rocks, holding grain ears; above, ram leaping left, head right; below, river god Orontes swimming left; Δ-Є and S-C across field. McAlee 803(a). VF, tan surfaces. From Collection CR.
  11. http://www.coinproject.com/siteimages/69-CP741.jpg Roman Provincial SYRIA, SELEUCIS AND PIERIA Antiochia ad Orontem Elagabalus AD 218-222 Bronze AE 32 (8 assaria) struck AD 218-222 32mm 20.68g 12h. AVT KAI M AVP ANTΩNEINOC CEB. Laureate head right, slight drapery at neck. ANTIOX-EΩΝ Μ ΚΟΛΩN Δ E S C. Tyche seated left on outcropping of rocks, ram leaping left above, River God Orontes swimming below. McAlee 803a.
Concludo osservando che, per quanto consentito ad una valutazione a distanza, le caratteristiche fisiche, generali e di stile della moneta di figura appaiono non difformi da quelle delle monete autentiche reperite nel web. Il valore venale del campione in esame nelle presenti condizioni non dovrebbe superare, a mio avviso, i 10,00€.

Un saluto cordiale.
Giulio De Florio
 

-------------------------------
Note:
(1) Riporto di seguito le caratteristiche fisiche delle monete della tipologia di figura, tratte dai link sopra riportati:

Riferimento: Peso(g.) Diametro(mm) Asse di conio(ore)
Link1 16,65 33 -
Link2 21,73 33 -
Link3 22,03 32 1
Link4 24,38 33 -
Link5 12,34 25,3 12
Link6 19,46 33 -
Link7 16,70 34 12
Link8 13,49 31 6
Se ne deduce che la moneta di figura presenta caratteristiche fisiche (15,67g, 31mm) che rientrano nei margini di variazione delle monete d'epoca di pari tipologia.
(2) AVT K M AV ANTΩNINOC ϹƐ (quindi per esteso: AVTokράτωρ Kαἷσαρ Mάρκος ΑVρήλιος ANTΩNINOC ϹƐβαστός, corrispondente alla titolatura latina IMPerator Caesar Marcus Aurelius ANTONINUS AVGustus). Agli inizi del 218, imperatore regnante era Macrino, già prefetto del pretorio e artefice del complotto che nel 217 aveva portato alla morte di Caracalla e all'esilio della sua famiglia ad Emesa. Macrino, tuttavia, dopo l'elevazione, aveva scontentato l'esercito per la pace con i Parti pagata a prezzo d'oro e per le promesse non mantenute di aumentare le paghe ai soldati; in conseguenza di ciò nell'esercito siriaco avvennero dei moti e si cominciò a cercare un nuovo imperatore. Giulia Mesa, sorella di Giulia Domna (la defunta moglie di Settimio Severo), donna energica e autoritaria, decise di sfruttare il malcontento dell'esercito siriaco contro Macrino per procurare il trono al nipote, Vario Avito Bassiano, sacerdote del dio Sole, figlio della maggiore delle sue figlie, Giulia Semia. Sfruttando la passata popolarità di Settimio Severo e Caracalla, ai soldati furono promesse generose ricompense. Preparato il terreno, i cospiratori, nel maggio del 218, proclamarono Bassiano Imperatore sotto il nome tradizionale di Marco Aurelio Antonino. Le truppe rimaste fedeli a Macrino furono sconfitte sotto Antiochia e lo stesso Imperatore, mentre fuggiva in occidente, fu catturato ed ucciso. Aveva regnato poco più di due anni e durante tutto quel tempo non era stato nemmeno una volta a Roma. Bassiano assunse, come nome complementare, Elagabalo o Eliogabalo e con esso passò alla storia. Lasciata Emesa, egli non abbandonò i doveri sacerdotali. Il senato fu costretto ad accogliere nella religione romana «l'invitto dio Sole Elagabalo», di cui sacerdote supremo era lo stesso imperatore. Al nuovo dio fu dedicato un tempio vicino al palazzo imperiale sul Palatino, dove fu trasferito 1'altare della dea Vesta insieme alle altre reliquie sacre dello Stato romano. Questo fatto dimostra non solo la stravaganza dell'imperatore, ma anche la servilità del senato; esso svela pure che in Italia e nelle regioni orientali dell'Impero si erano diffuse in quell'epoca varie credenze e culti orientali che avevano creato una variegata mescolanza religiosa. Questo sincretismo religioso creò la base sulla quale proprio a quel tempo cominciò rapidamente a diffondersi il cristianesimo. La svolta decisiva originata dall'Oriente non poté non determinare la protesta di vasti circoli sociali. L'opposizione alla politica orientale di Elagabalo fu rafforzata dal malcontento derivante dalla condotta del giovane imperatore e della cricca di corte. E' vero che, al riguardo, a Roma non rimaneva molto di che meravigliarsi, ma ciò che succedeva alla corte di Elagabalo superava qualsiasi misura di impudenza. Nonostante la giovane età l'imperatore era estremamente corrotto. Egli era un pervertito sessuale; le scene di dissolutezza che si svolgevano sul Palatino superavano di gran lunga le orge di Caligola, Nerone e Commodo. Le persone piu vicine all'imperatore, la madre Semia, il favorito Ierocle, il prefetto di Roma Fulvio, il ministro delle finanze Eubulo e altri dissipavano apertamente il denaro dello Stato e si permettevano inauditi abusi. La nonna di Elagabalo, Giulia Mesa, che all'inizio dirigeva tutti gli affari di Stato, comprese presto che la sua «creatura» era assolutamente incorreggibile e che non solo sarebbe stata incapace di consolidare la dinastia, ma al contrario l'avrebbe inevitabilmente rovinata. Perciò ella convinse Elagabalo ad adottare il cugino Alessandro, figlio di Mamea, la sorella minore di Semia, e a proclamarlo Cesare. Subito dopo Elagabalo, allora diciottenne, fu ucciso dai pretoriani insieme alla madre e a tutta la sua cricca (inizio del 222).
(3) ANTIOXEΩN MητϱoKOΛΩN (..nel nome della metropoli e colonia degli Antiochesi). Quale che sia l'interpretazione corretta da dare al genitivo etnico formato dalle tre parole sopra menzionate, la moneta in esame fu emessa per volere del Senato (Senatus Consulto) ad Antiochia sull'Oronte, capitale della provincia romana di Pieria in Siria.
(4) Δ Є. Riferisce lo Snible (v. link) che sulle monete provinciali di Antiochia, da Domiziano a Caracalla, fanno comparsa numeri che probabilmente indicano il mese dell'emissione monetaria o forse il numero del conio. La questione è controversa, riporto di seguito quanto invece riferisce in proposito il forum cointalk: "Le lettere Δ Є appaiono in molte monete di Antiochia spesso in caratteri grandi. Due spiegazioni possibili: la prima è che stiano per Demosia Exousia or ΔHMAPXIKHΣ EXOYΣIAΣ che in greco vuol dire Potere Pubblico o Tribunizio; la seconda che stiano per Δ EΠAPXEIΩN cioè “delle 4 Eparchie”, in relazione al culto dell’imperatore ad Antiochia (e più tardi a Laodicea)".
(5) La moneta riproduce il gruppo statuario in bronzo di Tiche e Oronte, opera di Eutichide di Sicione, allievo di Lisippo, eretto ad Antiochia subito dopo la fondazione della città da parte di Seleucio I nel 300 a.C. Una delle migliori riproduzioni marmoree in forma ridotta del gruppo, si trova esposta nei Musei Vaticani (v. link). La scultura è piena di simboli e metafore, la figura femminile rappresenta la Tiche (Τύχη in greco), la fortuna favorevole della città di Antiochia. La dea è seduta su una roccia che simboleggia il Monte Silpio che sovrasta la città, ha un piede sulla spalla del nuotatore, personificazione del fiume Oronte che l'attraversa. La mano della dea stringe un fascio di grano, simbolo della prosperità; sul capo della dea la corona turrita rappresenta le mura cittadine.
Indice Dietro Avanti